Verona Minor Hierusalem all’udienza generale 14-11-2018

Con lo striscione ‘Verona Minor Hierusalem’ e una grande carica d’entusiasmo, circa 150 volontari di Verona Minor Hierusalem si sono recati mercoledì 14 novembre a Roma per l’udienza generale con Papa Francesco. Nel gruppo amici e parenti dei volontari, in un clima di adesione che ha rinsaldato lo spirito di fraternità e di amicizia, rinvigorendo l’impegno del volontario che, con il dono del suo tempo e dei suoi talenti, rende un servizio prezioso alla società e accoglie l’altro offrendogli competenza, valori umani e spirituali. Al termine dell’udienza, i volontari del progetto diocesano Verona Minor Hierusalem sono stati citati nei saluti. Nelle prime file i responsabili: don Martino Signoretto, ideatore di VMH, Paola Tessitore, responsabile del progetto, e Davide Adami, docente di Storia dell’Arte, che hanno incontrato il Papa al termine dell’udienza e gli hanno donato la credenziale (il documento di viaggio che accompagna i pellegrini) creata appositamente per lui e la medaglia con il sigillo storico della città e di san Zeno.

Nel momento della consegna dei doni, Papa Francesco, dopo aver ascoltato una sintesi del progetto, con l’intelligente umanità che lo contraddistingue sempre, ha incoraggiato a proseguire lungo la strada intrapresa, evidenziando come la VMH stia creando futuro, competenze e cultura attraverso il coinvolgimento dei giovani e dei volontari.

Alcuni dati del Progetto VMH

A due anni dal suo avvio, il progetto VMH, è cresciuto molto: sono stati accolti 161.863 visitatori di cui 29,1% stranieri, in cinque chiese aperte dal giovedì alla domenica dalle 10.00 alle 17.30 e realizzate 813 visite condotte da guide turistiche. Inoltre si sono tenuti 20 pellegrinaggi urbani con la partecipazione di 1510 pellegrini.

In totale 551 volontari adulti hanno prestato servizio di accoglienza e sono stati inseriti nel progetto a scopo formativo 580 studenti di alternanza scuola-lavoro, mentre per le scuole primarie e secondarie sono stati realizzati 20 laboratori didattici.

VMH è un progetto di sinergia col territorio, che ha come claim “una città da valorizzare assieme”.

Il traguardo raggiunto sinora è significativo anche dal punto di vista del valore sociale e relazionale dell’impegno dei volontari, e i risultati conseguiti saranno implementati con la prossima apertura di due nuovi itinerari: ‘Rinascere dalla Terra, Verona crocevia di storia, civiltà e cultura’ e ‘Rinascere dal Cielo, Verona tra le note di Mozart e una nave di Santi’; per questi due nuovi percorsi nel mondo storico, artistico e culturale della città hanno già aderito con entusiasmo al progetto numerosi volontari e sono disponibili ancora alcuni posti: soprattutto per i giovani universitari che si affacciano al mondo del lavoro, ma per chiunque volesse cogliere questa opportunità di crescita umana e personale, con formazione personalizzata, gratuita e interdisciplinare.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa

Condividi con i tuoi amici